Home Events GEOMETRIE VITALI: Esposizione fotografica di Carlo D’Orta
Ottobre 2022
Settembre 2022
Luglio 2022
Giugno 2022
Marzo 2022
Novembre 2021
Ottobre 2021
Settembre 2021
Nessun evento trovato!
Carica altro

Data

01 10 22 - 31 12 22
Expired!

Ora

17:30 - 18:30

GEOMETRIE VITALI: Esposizione fotografica di Carlo D’Orta

Mostra d’arte contemporanea 01.10 / 31.12.2022

Museo Casa Gaia da Camino

Portobuffolè

Il comune di Portobuffolè vi invita alla mostra GEOMETRIE VITALI di Carlo D’Orta in collaborazione con Andrea Ciresola ed Isa Gaia presso il Museo Casa Gaia da Camino.

Mostra a cura di Valerio Dehò.

INAGURAZIONE 01.10.2022 / 17:30

Presso il Museo Casa Gaia da Camino

Piazza Vittorio Emanuele II, Portobuffolè

La mostra contiene al suo interno 3 esibizioni:

Architextures. Astrazioni Architettoniche” esposizione fotografica di Carlo D’Orta

(S)Composizioni – Metafora della Vita” Esposizione fotografica e scultorea di Carlo D’Orta ed Andrea Ciresola

– “New Geo” esposizione pittorica di Isa Gabria

  –

  Carlo D’Orta ha “bruciato” i tempi di una passione che è da diversi anni ormai una attività con caratteristiche professionali e riconoscimenti da parte del mondo dell’arte. Possiamo definire sinteticamente la sua evoluzione come un passaggio dal “realismo astratto” alla “fotografia plastica”, quest’ultima che ha avuto una sua chiara esemplificazione con la collaborazione con Andrea Ciresola.

Il suo lavoro complessivo assume importanza perché ha sempre sentito come proprio e fondante il rapporto con la realtà. Questa però viene restituita come attraverso una visione, come un elemento non di rappresentazione quanto di interpretazione. L’astrazione purifica le immagini, ci sottrae al “rumore” di una realtà che i media saturano di immagini. Il “Realismo astratto” che D’Orta agli esordi ha condiviso con Albano Paolinelli e Danilo Susi, è stato un momento di sintesi di una visione del mondo partecipata, profonda ma anche non totalmente assorbente. L’arte, soprattutto quella fotografica, ha una prospettiva che crea il contatto con i costituenti della realtà, con la sua struttura materico-molecolare, senza per questo rinunciare alla poesia e all’emozione.   

Carlo D’Orta poi ha costruito una propria indagine sugli spazi architettonici e su quello che vi è costruito attorno, mostrando il significato delle relazioni spaziali e dei contrasti cromatici, attraverso angolazioni nuove e sorprendenti. Il suo sguardo analizza e relaziona linee, vuoti, colonne, mettendo sempre in evidenza anche i riflessi sulle grandi superfici vetrate dell’International style che, per fortuna, sta lentamente scomparendo. La sua ricognizione “realistica” si è prodotta in tutto il mondo dall’Europa alle Americhe all’Asia.  Per scelta tecnica non interviene quasi mai in postproduzione, salvo leggeri interventi in fase di stampa per sottolineare dettagli e  contrasti di colore.  Possiamo affermare che tutto il lavoro di D’Orta è una ampia e inesausta riflessione sul concetto di moderno, sulla razionalità dell’architettura e del suo sostrato culturale, sui suoi limiti, ma soprattutto sulla sua capacità di elaborare un senso di ordine e di equilibrio che resta fondamentale per qualsiasi società.  La sua “fotografia plastica” interpreta la purezza delle linee, le superfici specchianti dei palazzi, i volumi e le ombre, le ortogonalità rigorose, mettendo in evidenza gli scarti, le differenze, le lacune. Non è una fotografia celebrativa, tutt’altro. Come ho già avuto modo si scrivere, “Carlo D’Orta non è un fotografo documentario. I suoi spazi architettonici, città edifici industriali, colgono segni imprevisti, hanno un’organicità che deriva dalla scelta di considerare la città un paesaggio, non un luogo chiuso ma aperto sull’ambiente.“   

Andrea Ciresola traduce in 3D le fotografie di D’Orta in una simbiosi creativa molto interessante perchè ricostruisce la tridimensionalità superando il limite legato dalla fotografia. Il pittore e scultore veronese riesce a creare delle opere plastiche astratte a partire dalle fotografie di D’Orta, in particolare dalla serie BIocities che si presta perfettamente per l’operazione Usando una selezione di dettagli delle foto, Ciresola realizza in acciaio dipinto con vernice acrilica delle opere in cui viene restituita la tridimensionalità in forma scultorea diversa da quella originaria e architettonica. La tridimensionalità viene recuperata, ma completamente e profondamente  diversa da quella del luogo architettonico oggetto della fotografia.  Così il dialogo tra i due linguaggi – fotografia e scultura – genera qualcosa di inedito. Già D’Orta era intervenuto con plexiglass e vetro a scomporre le foto per farle diventare delle installazioni. In questo caso Ciresola, artista iperrealista ma aperto anche al linguaggio dell’astrazione, riesce a creare realmente una trasposizione e una reinvenzione dell’immagine fotografica. Per questo la serie “(S)Composizioni” ha il doppio titolo di “Metafora della Vita”, perché diventa rappresentazione di come la nostra stessa personalità nasca dalla composizione e ricomposizione delle esperienze precedenti. 

Stilisticamente le analogie sono con opere dell’astrazione geometrica classica, del cubismo fino alle recenti esperienze di Peter Halley o Peter Schuyff. Ha scritto Jacques Derrida nella “Verità in pittura”: “Togliete ad un quadro ogni rappresentazione, ogni significanza, ogni tema e ogni testo, come che vuol essere detta, toglietegli anche tutto il materiale (la tela, il colore) … cancellate ogni disegno diretto ad un fine, …il suo sottofondo sociale, storico, economico, politico, ecc…, e che cosa resta? La cornice, l’incorniciatura, giochi di forme e di linee che sono strutturalmente omogenee alla struttura della cornice.” L’astrazione cosi richiama quel principio di libertà su cui andrebbe fondata l’arte, estremizzando la sua divaricazione dal pensiero cognitivo, ma aprendo una finestra sul rapporto tra sensibilità in eccesso e apertura del concetto. 

Isa Gabria lavora liberamente nel vasto territorio dell’astrazione da quella informale, più libera e emozionale, verso quella strutturata in segni, che in alcuni casi ricordano i “pettini” di Capogrossi. Uno spaziare in piena libertà che sembra sondare le possibilità del linguaggio, che fa una sorta di check sull’astratto come linguaggio universale e anche più immediato di tanta figurazione contemporanea. Isa Gabria sembra evitare di praticare un’arte algoritmica, ripetitiva, costruttivista. Preferisce sempre conservare quel margine di soggettività e di spontaneità che la sua visione della pittura sembra avere, quella variabilità dovuta a esigenze psicologiche o all’emozione del momento.  

La mostra è organizzata dal Comune di Portobuffolè in collaborazione con la Pro Loco e l’Ass.Cult. Dotmob.

LUOGO

Museo Casa Gaia da Camino, Via Businello 2, 31019 Portobuffolè TV

ORARI

Sabato e Domenica – 10:30-12:30 / 15:00-18:30

Lunedì/Venerdì – Su prenotazione

ENTRATA MUSEO 3€ – Gratuito fino ai 13 anni

INFORMAZIONI

+39 335 6802082

eventi@dotmob.it

ufficioturistico@comune.portobuffole.tv.it

Lascia un commento

ASSOCIAZIONE CULTURALE DOTMOB

Sede legale
Via Masotti 7/1, Oderzo TV

© 2021 Associazione Culturale Dotmob – P.IVA 04551180260